Quello che le parole sono allevati per il sesso

Sfera Ebbasta - Tran Tran (Official Music Video) (Prod. Charlie Charles)

Video divertenti Sex Guarda gratis

Soprattutto per gli uomini, ai quali la natura ha imposto un ruolo diverso da quello delle femmine, non sempre i sentimenti sono necessari per fare sesso: bastano i richiami del corpo e, talvolta, neppure la visione del viso è necessaria.

La natura ha affidato a ciascun sesso un compito preciso: ai maschi è richiesto di auto-selezionarsi sulla base della maggiore o minora audacia, forza o anche aggressività.

Per i maschi, dunque, la sfera della sessualità si lega strettamente ad un pericolo di morte ed essi non possono che prestarsi di buon grado a questo gioco eterno, sottomettendosi ad una selezione drammatica fatta di scontri e di sangue, sotto gli occhi di femmine inflessibili e giudicanti. Ma questo non basta per dissuaderli: i maschi sono disposti a morire pur di assecondare il compito che quello che le parole sono allevati per il sesso natura gli ha scritto, ossia riprodursi.

È evidente: il fine della natura è quello di perpetuare la specie dando a ciascun sesso un ruolo specifico. Della felicità degli esseri umani, in quanto singoli, la natura non si cura affatto. Non riguarda esclusivamente, come nel caso del sesso, il proprio inconscio istintuale e la propria filogenesi di genere. Quoto del tutto i consigli di Fabrizio Marchi, non mi dilungo in una polemica di principi, invece che di ragionamenti su dati, in questioni del tuitto aperte.

Per esempio, quando in Levi Strauss si evoca la cultura matriarcale si realizza uno studio assai importante e significativo teso a mostrare quella stessa cultura come emersa dalla necessità da parte delle donne di spezzare il cannibalismo padre-figlio nato per il possesso sessuale delle donne.

Ti ringrazio di cuore. Sei finito. La ragione risiede nel fatto che tale asserzione è stata utilizzata nei millenni come strumento di legittimazione degli interessi delle classi dominanti.

Non vi è altra ragione che questa. La prospettiva della rivoluzione sociale esige che la si neghi. Misconoscimento che è stato e sempre sarà una delle ragioni del suo eterno fallimento. Giacché è impossibile che una donna sia consenziente al sesso con più uomini, sconosciuti, di classe sociale inferiore alla loro, esercitato per pure finalità ludiche, senza benefici, senza prospettive, senza legami, come invece è per gli uomini etero e gay.

Lo ha stabilito Darwin. Certo, sarebbe bello se le cose stessero diversamente. Invece stanno come stanno. Caro Rino, considero il tuo intervento un prezioso contributo parallelo al mio articolo. Un caro saluto da Napoli. Gino: ho letto qualcosa di Levi Strauss ma non è un autore che mi appassiona anche se condivido che abbia fatto degli studi interessanti in tema. Per cui, ancora una volta, calma e gesso e un pizzico di umiltà, che è sempre sinonimo di saggezza.

Di questo sono assolutamente certo. Chi ha vissuto una determinata esperienza storica, ad esempio, che so, il fascismo ripeto che è solo un esempio a caso fra i tantinon ha bisogno di aver studiato dei libri per capire che cosa è il fascismo, perché lo ha conosciuto direttamente, sulla propria pelle, mi verrebbe da dire. Dopo di che spettava e spetta a lui leggere quella realtà che lui ha vissuto con occhi lucidi. E questo non ha nulla a che vedere con i libri.

E naturalmente il quello che le parole sono allevati per il sesso vale per qualsiasi contesto storico e sociale. Un conto è un articolo politico, allora in quel caso è ovvio che debba in qualche modo rispecchiare la linea politica del giornale anche se, per la verità, abbiamo lo spazio delle lettere e quello dei contributi, dove lasciamo spazio anche a chi non la pensa come noie un altro è un articolo culturale, come il suo nella fattispecie. A destra si sostengono alcuni concetti che a mio parere, marxista eretico e non ortodosso del XXI secolo, sono validi?

Presunzione da parte mia? Qui stiamo cercando di capire come funziona il mondo in cui siamo stati gettati, nostro malgrado, nella fattispecie il contesto storico, sociale e culturale quello che le parole sono allevati per il sesso quale siamo. Ci serviranno gli studi di Levi Strauss? Ma anche il sapere di più, se non è accompagnato da quella scintilla non mi dire che origine ha perché non sarei in grado di risponderti, è come se mi chiedessi come fa Maradona a palleggiare in quel modo, e io non posso che rimandarti a quella peculiarità umana, cioè quella miscela di natura e cultura, estro, intelligenza, intuito, creatività ecc.

Sulla natura differente fra uomo e donna, vorrei soltanto accennare al fatto che io ne ho parlato dal punto di vista etologico, con particolare riferimento ai mammiferi che siamo noi: lo dico a beneficio di chi, a furia di studiare antropologia, non lo sapesse e relativamente al solo ambito sessuale. E anche, nel mio piccolo, di tutti i miei libri.

E, ovviamente, grazie anche a coloro che hanno letto e commentato il mio articolo. A- Nel terzultimo msg Antonio svela la ragione della nostra convergenza. Ma sono anche una delle ragioni di esistenza della Grande Politica quella che mira a modificare la società, non quella del piccolo cabotaggio e che danno ad essa un senso ed un reale fondamento.

C- Quanto alla competenza, nostra e altrui, a trattare qualsiasi ramo dello scibile umano, concordo con Fabrizio. Nemmeno il pieno possesso di una disciplina garantisce in sé la corretta visione delle cose, né — tantomeno — la convergenza delle opinioni. Non vi è praticamente asserzione quello che le parole sono allevati per il sesso, pur sostenuta da espertissimi, che non trovi immediatamente obiezioni contrastanti da parte di altri scienziati non meno competenti ed …espertissimi.

Per non parlare di quel che accade in filosofia, sociologia, storia, psicologia etc. Mentre talvolta intuizioni rivelatesi esatte sono state appannaggio di persone meno istruite e marginali. Ora qualche parola provvisoriamente conclusiva!

Non ho approfondito il valore che egli diede a questo assunto, tuttavia lo prendo come spunto per la seguente considerazione. Affermare che esiste una natura umana non significa minimamente ipotizzare una politica che la assecondi, che la difenda, che da essa tragga i valori sociali.

La vigilanza perpetua sulle sue espressioni antisociali e sulle tendenze regressive, violente, nocive, sempre latenti. La Grande Politica di un possibile progresso non tecnico non ha per fondamento la bontà degli umani, né la negazione della natura, al contrario. Ricambio i cortesi saluti a Antonio, ma saluto volentieri anche Gino. Ho letto le sue come amichevoli provocazioni. Ottimi stimoli. Cari prof. Grazie Stefania, mi fa molto piacere e sicuramente fa piacere anche ad Antonio Martone.

Come puoi vedere, i più severi critici del femminismo non sono dei bruti maschilisti, trogloditi e fascisti, ma persone civili, democratiche e an che provviste di capacità raziocinanti.

Sono lieto di quello che hai scritto Stefania. E, oltretutto, ti sono grato della tua a quanto dici assidua attenzione. Un caro e affettuoso saluto…. Rino e Gino Dico la mia sulle questioni che avete posto, anche se Rino conosce già il mio punto di vista, dal momento che ci conosciamo ormai da molti anni. Consoliamoci, perché è una questione che ha dilaniato tutto il pensiero filosofico dai primi vagiti fino ai giorni nostri, e ancora non si è addivenuti forse fortunatamente… ad una posizione condivisa.

Ritengo, infatti, che la condizione naturale degli esseri umani sia una miscela complessa dove coesistono aspetti molto quello che le parole sono allevati per il sesso non totalmente contraddittori che quello che le parole sono allevati per il sesso, appunto, la estrema complessità di quella stessa condizione e della stessa umanità. Perché io resto convinto che la pulsione maschile sia comunque quello che le parole sono allevati per il sesso natura diversa da quella femminile, e questo anche a Tahiti duemila anni fa… comunque un paradiso sessuale, sia chiaro, rispetto a come oggi viene vissuta la sessualità nelle nostre società malate e alienate.

Ne consegue, se quanto detto ha una logica e un fondamento, che non esiste e forse non è mai esistita una quello che le parole sono allevati per il sesso una sola condizione naturale della sessualità, vissuta nello stesso modo da tutti gli umani in tutto il pianeta. Sempre dalle stelle alle stalle che, metaforicamente parlando, sono quelle che preferisco, e sempre per capirci con esempi banalissimi sono famoso per questo e ormai me ne faccio un vanto…a me piacerebbe vivere il sesso in modo molto più realmente libero e giocoso, nella reciprocità e nella spontaneità, rispetto a come si vive realmente oggi nelle società capitaliste occidentali e, nella fattispecie, nel contesto di una società capitalista quello che le parole sono allevati per il sesso dove il sesso è quindi nella sostanza mercificato come quella italiana dove su di cultura cattolica, piccolo borghese e provinciale che fa parte della storia di questo paese, si è sovrapposto e incistato un femminismo sostanzialmente bacchettone, quello che le parole sono allevati per il sesso e criminalizzante dello stesso desiderio maschile.

Come vivo questa condizione? Qual è la mia condizione di uomo gettato in questo contesto? Come mi sento? Sono soddisfatto o insoddisfatto? Felice o infelice? Perché è dalle condizioni quello che le parole sono allevati per il sesso che si deve partire per trasformare la realtà, non per ragioni ideologiche ma per necessità.

E qui faccio un altro esempio — e chiudo — che avevo già fatto in un altro post sempre in risposta a Gino, ma cambiando totalmente esempio. Chi è in grado di conoscere meglio il femminismo e i suoi effetti? Un accademico che si è letto tutta la letteratura femminista o un padre separato che è stato buttato in mezzo alla strada, espropriato dei figli, della casa, del reddito, ridotto in miseria e falsamente denunciato per molestie?

Rino, no Preve non pensava che la natura umana fosse quella che descrivi tu. Tradotto in parole ancora più povere, erano i maschi, anche a Tahiti, ad andare dietro alle femmine. Ma sappiamo benissimo che non tutti gli ambienti sulla Terra erano di quel genere.

La maggior parte erano estremamente ostili. Ripeto, io non sono un antropologo ma non mi sembra di bestemmiare se dico che la vita nelle varie età preistoriche non era proprio una passeggiata di salute. E che il maschio alpha esercitasse un predominio sugli altri maschi anche dal punto di vista sessuale mi pare un altro fatto acclarato.

E che le femmine tendessero ad accoppiarsi con quel maschio mi pare un altro fatto acclarato. Quindi, come vediamo, torniamo anche in questo caso a quello che diceva lui prima, e cioè che è estremamente arrivare ad una Verità Condivisa, non solo sul piano filosofico ma anche addirittura su quello scientifico.

VOI ideate un modello e lo applicate a tutte le culture, io lo sto confutando mostrando che esistono constatazione empirica diretta attuale X culture con modello diverso o opposto. Mi batto perché la realtà, anche quella che abbiamo alle spalle, è stata manipolata, e in virtù di questa manipolazione il quello che le parole sono allevati per il sesso maschile è stato ed è sottoposto ad un processo sistematico di criminalizzazione.

Non posso farci nulla. O alla cultura? Boh, sarà, che ti devo dire. Io ho dei dubbi ma non importa, non dobbiamo per forza convincerci. Tu pare invece che ne sei uscito grazie ai tuoi studi. Ma a parte questo, e va bè, ammettiamo che in India sia come dici tu. E allora? Dove vogliamo andare a parare? A mio parere tu vuoi andare a parare che tu sei quello che fa scienza e che parla a ragion veduta e noi siamo quelli che fanno chiacchiere prive di fondamento perché non scientifiche.

Cosa vuoi sentirti dire? Che si scopa poco e male soltanto in quello che le parole sono allevati per il sesso paesi del mondo per colpa dei condizionamenti culturali che hanno ucciso la natura e che in altri paesi invece si scopa alla grande, in primis in America Latina dove le donne, come in tantissimi altri contesti, sono a caccia del turista da sposare ma lasciamo stare… dove la smollano serenamente e liberamente?

In tutta onestà mi sto anche rompendo abbastanza i coglioni. Oggi non avevo impegni particolari e ti ho praticamente dedicato la giornata. A Rino stai simpatico ma me cominci ad innervosirmi, non per le tesi che porti avanti che sono legittime, ma per come ti poni. Per cui io mi fermo qui. Se pensi di poterci dare una mano in questa battaglia inutile perché non scientifica, fai pure, oppure molla.